Non una semplice tuta!

Postato sotto Abbigliamento e accessori, News glamour da Antonella il 30 mag 2008

Il ritorno della tuta era stato annunciato e, spianata la strada dalle vistose salopette prima e dalle ispirazioni anni Settanta poi, adesso si dichiara apertamente capo trend abbinando praticità e vestibilità.

 

Nata nel 1919 dall’idea del fiorentino Thayaht con l’aiuto del fratello Ram, era considerata un abito universale, una soluzione fai-da-te, creativa ma economica!

Il nome le fu dato dall’inventore: il modello è a “T”, ricavato da un unico pezzo di tessuto in cotone o in tela d’Africa, utilizzato completamente senza spreco di stoffa, aveva sette bottoni, una cintura, un taglio rettilineo e poche cuciture.

Ideata in nome della protesta nei confronti del gusto borghese che caratterizzava l’abbigliamento del primo dopoguerra, la tuta ha anticipato l’indumento russo, creato quattro anni più tardi, nel 1923, col nome “varst” ad opera di Radcinko e di sua moglie Stepanova, che videro nella tuta operaia l’abito rivoluzionario dell’uomo nuovo.

Nata come abito da lavoro, associata nell’immaginario collettivo all’ambiente degli operai nelle grandi fabbriche, passato poi nel guardaroba degli sportivi, tollerato per il tempo libero e nelle mura domestiche, oggi esce dagli schemi classici e diventa perfetto per il giorno, ma soprattutto per la sera!

E’ il classico capo che fa sentire comode ma che, indossato con nonchalance e in un modello originale decorato con paillettes, brillantini e perline fa la differenza! Coordinata ad un paio di sneakers dona un tocco originale a glamour anche di giorno, abbinata ad un paio di stiletti e accessori vistosi consacra ad un look eccentrico e fashion anche di sera!

In tessuto delavè, seta preziosa o ciniglia, due pezzi o tuta intera, con felpa con cappuccio o con generose scollature sulla schiena, più sobria o più vistosa con inserti luccicanti, la tuta ri reinventa capo d’elezione per la donna metropolitana.

 

                                      Gianfranco Ferrè

 


   Star Chic by Simona Ventura                 Diesel Black Gold

 


          Stella McCartney                             Roberto Cavalli

 


                  Missoni                                Frankie Morello

 


            Emporio Armani                            Roccobarocco

 

Curiosità:

- Madonna l’ha indossata ad una prima teatrale a Londra;

- Simona Ventura ha creato una linea personale incentrata interamente sulla tuta chiamandola “Star Chic”;

- Gwyneth Paltrow ha addirittura calcato il red carpet con indosso questo capo.

Ecco alcuni sponsor Ads inerenti all'articolo:

Un Commento per “Non una semplice tuta!”

  1. [...] Il ritorno della tuta era stato annunciato e, spianata la strada dalle vistose salopette prima e dalle ispirazioni anni Settanta poi, adesso si dichiara apertamente capo trend abbinando praticità e vestibilità. Nata nel 1919 dall’idea del fiorentino Thayaht con l’aiuto del fratello Ram, era consider … Source: Non una semplice tuta! [...]

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.